Mai più senza le mie nuove décolletée cangianti


In questo inizio d’anno terribilmente gelido, ho pensato in primis ad aggiornare la mia biblioteca personale con qualcosa di leggero, ma che al tempo stesso soddisfacesse qualche mia curiosità. E per puro caso, passeggiando per le vie di Roma, ‘inciampo’ nel volume ‘The Shoe Book’ edito dalla francese Assouline.

The Shoe Book, Assouline

The Shoe Book, Assouline

Che dirvi, è bastata la cover per puntare il dito verso di lei, l’unica che nei decenni non è stata mai scalzata dal trono per essere considerata, a detta di tutti, la scarpa più femminile e sexy che una donna possa calzare: la décolletée a punta. Rigorosamente con tacco alto, la décolletée a punta non passa mai di moda. Potrà aver subito nel tempo attacchi qua e là, ma resta elegantemente ancorata a un concetto di femminilità soggetto a molteplici interpretazioni. Esagerata per alcuni, piacevolemente sexy e sensuale per altri, la scarpa décolletée è addirittura considerata comoda e insostituibile per molte donne, basti pensare a una Carrie Bradshaw o Victoria Beckham che ne ha fatto un loro feticcio.

Atelier Mercadal, modello Valparaiso

Atelier Mercadal, modello Valparaiso

Anyway, con questo slancio di inizio anno, ho trovato i tre modelli di décolletée a punta che come comune denominatore hanno una sfiziosa cromia metallica cangiante, pur variando altezze di tacco. Partendo da quella più cara, ecco la Valparaiso di Atelier Mercadal, una 10 cm made in France che riflette il gusto della designer Marie Laure in una contemporaneità molto sensuale.

Terry de Havilland, modello Brix

Terry de Havilland, modello Brix

Un tocco British arriva invece dalla Brix di Terry de Havilland, che dall’alto dei suoi 12 cm regala a suo modo un eccentrico tributo a Ziggy Sturdust. Infine, sempre da Londra, la décolletée Minu di L.K. Bennett.

L.K. Bennett, modello Minu

L.K. Bennett, modello Minu

Tacco classico di 5.5 cm, ma appeal deciso nonostante non prediliga le esagerazioni e contenga il suo stile per dialogare con un universo femminile sempre più vasto.

Lascio un commento

*


*

Scrivi qui il tuo commento: